Cordero di Montezemolo: a piece of History in La Morra

Questa settimana ci siamo recati in un’altra splendida tenuta delle Langhe, la tenuta di Monfalletto di Cordero di Montezemolo. Essa sorge a La Morra, in frazione Annunziata. Questa è una delle zone più ambite ed apprezzate per la produzione del Barolo, poiché si trova in una posizione strategica nel cuore dell’area del Barolo. La composizione del suolo dell’Annunziata è molto simile a quella della parte più centrale di La Morra, ma si trova ad un’altitudine inferiore, più simile a Barolo o Castiglione Falletto. Un dato molto particolare e curioso riguardo la tenuta di Monfalletto è che essa comprende un corpo unico di vigneti che circondano la cantina. Un’altra più piccola parte di vigneti, invece, si trova nella zona del Roero e vicino ad Alba dove prende vita il Langhe Arneis. Tutti gli altri vini prodotti dall’azienda provengono invece dalla grande tenuta che circonda la cantina. Qui nascono i grandi DOC e DOCG, prodotti d’eccellenza dell’azienda.

.This week we went to another splendid estate in the Langhe, the Monfalletto property owned by Cordero di Montezemolo family. It rises up on the hill of La Morra, in Annunziata district. This is one of the most desired and appreciated zones for the production of Barolo wines, because of its strategic location in the heart of the Barolo area. The composition of the soil of Annunziata district is much more like the central part of La Morra village, but it’s in a lower altitude, similar to the towns of Barolo and Castiglione Falletto. A very particular and curious fact about the Monfalletto estate is that it consists of only one big body of vineyards around the winery. Another small part of vineyards is located in Roero region and near Alba city, where the Langhe Arneis comes to life. All the other wines produced by the company come from the huge property of lands surrounding the winery. Here the great DOC and DOCG are born, excellent products of the company.

 

L’origine della storia della famiglia Cordero di Montezemolo non risiede in Italia, bensì in Spagna. Tuttavia, questa famiglia possiede solide ed affermate radici che affondano nella storia del Piemonte a partire dalla metà del 1400. La loro storia non cominciò con il vino, ma con il loro legame con la Casa Savoia, per cui svolsero incarichi diplomatici e militari. Così divennero una famosa e nobile famiglia del Piemonte. La svolta della carriera dei Cordero di Montezemolo avvenne nel 1918, anno in cui Paolo Cordero di Montezemolo si sposò con la figlia della Marchesa Luigia Falletti. La famiglia Falletti fu una delle case nobiliari più importanti nelle Langhe. Era proprio questa famiglia a possedere la tenuta di Monfalletto. La giovane coppia mise alla luce un figlio, anch’egli di nome Paolo. Nel 1941, alla morte della Marchesa, tutte le terre ed i possedimenti passarono in mano al nipote. In questo modo iniziò l’attività vitivinicola della famiglia Cordero di Montezemolo. Ma la produzione di vino nella tenuta di Monfalletto è documentata a più di 200 anni fa!Nonostante la produzione annua sia abbastanza elevata, l’azienda ha sempre mantenuto elevata la qualità dei suoi vini ed è sempre rimasta un’attività a gestione famigliare. La tenuta comprende diverse zone adatte ad altrettanti diversi tipi di vitigni. A seconda dell’esposizione, dell’altitudine, del suolo e del microclima, attorno alla cantina si possono trovare: Dolcetto, Barbera, Chardonnay, Arneis e Nebbiolo.

.The origin of the story of Cordero di Montezemolo family doesn’t come from Italy, but from Spain. Although the family has strong and deep roots in the story of Piedmont since the second part of the 1400. Their story didn’t begin with wine, but with their relationship with the regal Casa Savoia, for whom they had diplomatic and military jobs. So they became a famous and aristocratic family of Piedmont. The turning point of the carrier of Cordero di Montezemolo family happened in 1918, when Paolo Cordero di Montezemolo married the daughter of the Marchioness Luigia Falletti. The Falletti family was one of the most important ones of the aristocracy of the Langhe. This family owned the Monfalletto estate. The young couple gave birth to a son, also called Paolo. When the Marchioness died in 1941, all the properties and the lands were acquired by the grandson. In this way the Cordero di Montezemolo’s wine company started. Even if the wine production in the Monfalletto estate is documented to more than 200 years ago! Although the annual production is high, the company has always kept elevated the quality of its wines and has always been a family company. The property includes several zones suitable for different kinds of vine varieties. Depending on the orientation, the altitude, the soil and the microclimate, around the winery we can find: Dolcetto, Barbera, Chardonnay, Arneis and Nebbiolo.

 

Pochi anni fa l’azienda ha anche acquistato una parte del Cru Villero a Castiglione Falletto, dove produce il famoso Barolo Enrico VI in onore del figlio di Paolo Cordero di Montezemolo, Enrico il quale era appunto il sesto figlio. Oggigiorno le redini dell’azienda sono in mano a Giovanni e ai suoi figli, Alberto ed Elena. Inoltre, la produzione è diventata interamente biologica. Tutte le fasi di coltivazione, fertilizzazione e cura delle viti avviene tramite l’impiego di materiali organici e prodotti minerali. In questo modo riescono a preservare la biodiversità della loro tenuta e, soprattutto, a preservare la salute di tutte le persone coinvolte nella realizzazione del prodotto finale.

.Few years ago, the winery bought a part of the cru Villero in Castiglione Falletto, where it produces the famous Barolo Enrico VI in honour of Paolo Cordero di Montezemolo’s son, Enrico who actually was his sixth son. Nowadays the reins of the company are held by Giovanni and his daughter Elena and his son Alberto. Then the production is totally biological. All the phases of the vine-growing, the fertilization and the care of the vineyards happen with organic and mineral materials. In this way, they are able to protect the biodiversity of their lands and the health of the people that work in the winery.

 

 

Degustazione

Ed eccoci al momento della degustazione, due bianchi e sette rossi. I prodotti dell’azienda sono: Langhe Arneis, Langhe Chardonnay Elioro, Dolcetto d’Alba, Barbera d’alba Superiore Funtanì, Langhe Nebbiolo, Barolo Monfalletto, Barolo Gattera e Barolo Enrico VI. Poi producono anche una Riserva Gorette Magnum in edizione limitata che esce tutti gli anni dal 1998. Quest’ultima si può trovare anche di vecchie annate ed è venduta solamente in azienda. Ultime chicche di Cordero di Montezemolo sono uno Spumante Extra Brut, un Barolo Chinato ed una grappa.

Subito cominciamo con i bianchi, il Langhe Arneis e lo Chardonnay Elioro. L’Arneis viene prodotto con uve 100% Arneis provenienti da diversi appezzamenti, una parte nella tenuta di Monfalletto ed un’altra collocata in area Roero a Castagnito e a Guarene. Molto fruttato, fresco e di facile bevibilità!

Lo Chardonnay Elioro è prodotto sempre nella tenuta dell’Annunziata. A pochi metri dalle vigne del Barolo Gattera. Affina circa 9 mesi in botte con frequenti battonage ed altri 10 mesi in bottiglia. Il nome Elioro significa “collina del Sole” proprio perché le vigne sono collocate sulla collina che riceve per prima la luce del sole al mattino ed è l’ultima ad esserne privata. I profumi sono dolci e fruttati, in bocca si presenta grasso e persistente. Un grande Chardonnay da invecchiamento!

.

Tasting

Then it’s the moment to taste; two whites and seven red wines. The products of the company are: Langhe Arneis, Langhe Chardonnay Elioro, Dolcetto d’Alba, Barbera d’alba Superiore Funtanì, Langhe Nebbiolo, Barolo Monfalletto, Barolo Gattera and Barolo Enrico VI. They also produce a Riserva Gorette Magnum in limited edition, released each year since the 1998. It’s possible to find this Riserva of old vintages and it’s possible to buy it just in the winery. The last product of Cordero di Montezemolo’s are a sparkling wine Spumante Extra Brut, one Barolo Chinato and a Grappa.

The tasting starts with the whites, the Langhe Arneis and the Chardonnay Elioro. The Arneis is produced with Arneis grapes 100% coming from different territories, a part is located in Monfalletto and another one in the Roero region in the towns of Castagnito and Guarene. Very fruity, fresh and really easy to drink!

The Chardonnay Elioro is made in Annunziata district. Few metres far away from the vineyards used to produce the Barolo Gattera. It ages almost 9 months in the oak barrels with usual battonage and then other 10 months in the bottle. The name Elioro means “the hill of the Sun” because the vineyards of the hill near Gattera receive the sun light soon in the morning and it’s the last hill to see it in the evening. The perfumes are sweet and fruity, at the palate the wine is fat with a long persistence. A great Chardonnay able to age!

 

In seguito, assaporiamo i rossi. Il Dolcetto d’Alba, rustico ed elegante al tempo stesso. La Barbera d’Alba, fruttata, fresca e morbida al palato.

La Barbera d’Alba Superiore Funtanì ha attirato sicuramente la nostra attenzione. Questa rimane circa 15-18 mesi nelle botti e poi altri 12 mesi in bottiglia prima del rilascio. Il nome Funtanì deriva dal dialetto locale e significa “fontana”, proprio perché nella vigna è presente un’antica sorgente d’acqua. La Barbera Superiore presenta degli aromi più intensi e strutturati di frutta scura e matura. Molto equilibrata con tannini dolci. Sicuramente capace di un lungo invecchiamento.

Passiamo poi al Langhe Nebbiolo e ai Baroli.

Un Barolo che ci ha molto impressionato è il Barolo Enrico VI. Il terreno della vigna Villero in Castiglione Falletto risulta meno sabbioso e più ricco di ferro. Al naso è molto speziato e “terroso”. I sapori di frutta matura e di spezie dolci e balsamici riempiono la bocca. I tannini sono abbastanza robusti ed hanno bisogno di un affinamento medio lungo. Uno straordinario vino da provare.

Grazie alla Famiglia Cordero di Montezemolo e ad Alberto per l’interessante visita in cantina!

.

Then we taste the red wines. The Dolcetto d’Alba, rustic and elegant at the same time. The Barbera d’Alba, fruity, fresh and round at the palate.

The Barbera Superiore Funtanì has attracted our attention. This one stays for almost 15-18 months in the oak barrels and then other 12 months in the bottle before the release. The name Funtanì comes from the local dialect and means “fountain” because of the source of water present in the middle of the vineyard. The Barbara Superiore has strongest and more intense aromas, more structured of black and ripe fruits. Really balanced with gentle tannins. This Barbera is suitable for a long ageing.

Then we try the Langhe Nebbiolo and the Barolos.

One of the Barolos we tasted was the Barolo Enrico VI. The soil of the Villero vineyard in Castiglione Falletto is less sandy and has more iron than in the soil of La Morra. To the nose it’s particularly spicy with “earthy” aromas. The taste of ripe fruits and sweet and balsamic spices fill the mouth. The tannins are strong and sharp; they need a long ageing. An extraordinary wine to try.

Thanks to Cordero di Montezemolo family and to Alberto for the interesting visit of the winery!

Thank you for your attention

Ombretta Davico

VINI - WINES